Dal presidio del 15 Luglio a Perugia

             

Oggi a Perugia una nuova tappa della campagna per la liberazione di Paolo Dorigo, a sostegno della coraggiosa lotta di questo comunista detenuto che da 45 giorni Ŕ in sciopero della fame per ottenere quegli accertamenti diagnostici che da almeno due anni rivendica, per fare finalmente chiarezza e veritÓ sulla tortura e controllo mentale che denuncia di subire.

Intorno alle 11, presso il tribunale di sorveglianza di Perugia si Ŕ tenuta l'udienza che ha dato mandato ai periti, d'ufficio del tribunale e di parte
della procura generale e della difesa di Paolo, di effettuare le perizie del caso.

Paolo, che ha partecipato all'udienza, ha trovato a salutarlo al suo arrivo al tribunale decine di compagni del Soccorso Rosso Proletario, del Centro Giovanile Bobby Sands, del Campo Antimperialista, del Centro sociale ex-mattatoio , che giÓ dalle 9 presidiavano il tribunale per fargli sentire ancora una volta il calore della loro solidarietÓ, per mostrare che non Ŕ solo nella sua lotta, come parte della liberazione per liberarlo.

PAOLO LIBERO! hanno gridato i compagni a Paolo, apparso ovviamente provato dal digiuno, ma ancora pi¨ fiero, combattivo e lucido di sempre: ha salutatoa pugno chiuso e compagni e, a mezzo dei legali, ci ha fatto pervenire l'ennesimo comunicato, consultabile presto sul suo sito.

Quanto all'esito dell'udienza, a porte chiuse, sono stati incaricati diesperire le perizie una docente di medicina legale dell'UniversitÓ di
Perugia e uno psichiatra ed Ŕ stata fissata la data del primo colloquio che questi intratterranno con Paolo, nel carcere di Spoleto il 22 luglio
prossimo.

Paolo ha perci˛ deciso di continuare a non assumere cibo.

Sulla base a questi colloqui, i periti si pronunceranno in seguito sul luogo e tipologia dei successivi esami diagnostici da effettuare.

GiÓ il dove si vorranno effettuare Ŕ decisivo sulla decisione di Paolo di continuare ancora, fino alle estreme conseguenza, lo sciopero della fame: Ŕ  assolutamente evidente che se decidessero di realizzarli carcere non ci sarebbero le condizioni materiali per accertare la presenza dei microchip di controllo mentale che Paolo denuncia e quindi non di accertamenti si
tratterebbe ma dell'ennesimo rifiuto di fare chiarezza.

Allora la nostra mobilitazione, giÓ oggi urgente, diventerebbe emergenza.

Nel frattempo, continua la campagna: prosegue la raccolta di firme per la petizione per la scarcerazione di Paolo lanciata dal Bobby Sands che, oggi stesso in serata ha organizzato una conferenza stampa a Spoleto alla presenza di Giovanni Russo Spena, che nel pomeriggio ha guidato una delegazione di parlamentari, firmatari di un'interrogazione e petizione parlamentare sul caso, che visitato il detenuto in carcere.



                                                                                                        LIBERTA' PER PAOLO DORIGO!

                                                                                LIBERTA' PER TUTTI I PRIGIONIERI RIVOLUZIONARI!

                                                                        UNIRE TUTTI I COMPAGNI COLPITI DALLA REPRESSIONE!

                                                                                                FERMIAMO LO STATO DI POLIZIA!



                                                                                                           
 

<< indietro