www.paolodorigo.it

Casella di testo: Numeri arretrati
 

.


edizione 08-12-2006   e' in preparazione il nuovo sito del PCm-Italy     

in distribuzione il numero 33 dicembre 2006 vai alla pagina interna a paolodorigo.it di prolcom.org

vai al sito di Red Block vai al sito SLAI/COBAS Dalmine vai alla pagina http://www.paolodorigo.it/ClasseOperaia.htm

il n.33 in distribuzione - è in distribuzione il n.2 di LA NUOVA BANDIERA rivista del PCm


NUMERO UNICO SU MUMBAI RESISTANCE 2004 compresa rettifica di P.Dorigo circa il testo del luglio 2004 all’epoca di difesa del C.Ai. dalla mancata adesione di alcuni organismi per la presenza del C.Ai. al sit in di Spoleto del 3 luglio 2004

ULTIMI NUMERI DEL GIORNALE  23  24  25  26  27  28  29  30 - 31 (da inserire)- numero speciale su Libano-Palestina febbraio 2006   luglio 2006 - novembre 200632 pagina del Soccorso Rosso Proletario - Testi

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Pagina di documenti del Movimento Popolare Peru' 2004-2006

Pagina di documentazione (curata da P.D.) sulle guerre popolari

Comunicato per la iniziativa di Milano del 30 giugno 2005 per i compagni caduti a Dersim DOCUMENTAZIONE SUI COMPAGNI CADUTI A DERSIM, MILITANTI DEL MKP DELLA TURCHIA-KURDISTAN

La notte del 16 giugno l’esercito del regime fascista turco ha massacrato 17 dirigenti e quadri del Partito Comunista di Turchia e Nord Kurdistan (MKP), Mercan, nella regione di Dersim.

La piccola formazione guerrigliera, in marcia per raggiungere il luogo in cui sarebbe tenuto il secondo congresso del partito, è stata attaccata da tre elicotteri da guerra, che li hanno travolti col fuoco delle mitragliatrici pesanti e granate antiuomo, mente da terra l’area veniva circondata da oltre mille soldati, il cui compito infame è stato quello di ultimare il massacro sparando alla testa a chi era sopravvissuto al primo assalto: denunciano i parenti che dalle autopsie risulta che i corpi dei caduti sono stati orrendamente straziati e bruciati e che molti di loro portavano segni da colpi sparati alla testa.

Questi compagni e questo partito lottano per liberare i proletari e le masse turche e kurde dallo sfruttamento e dall’oppressione imperialista, e conquistare uno Stato di nuova democrazia nelle mani del popolo.

Onoriamo il sacrificio di questi compagni uccisi!

Si illudono, come strillano alcuni giornali reazionari di “aver cancellato la sovversione maoista per sempre in un colpo solo”.

Ma la realtà è che a Dersim, come a Istanbul, come ad Ankara, come in altre città della Turchia, le masse oppresse non hanno subito il terrore con cui il regime voleva paralizzarli e a migliaia hanno sfidato il governo trasformando i funerali dei compagni in combattive manifestazioni di appoggio al MKP, al suo esercito, alla guerra popolare.

La realtà è che in tutta Europa, in Francia, Inghilterra, Germania, Svizzera, e oggi in Italia, tanti immigrati turchi e compagni solidali hanno onorato con cortei e manifestazioni il sacrificio dei caduti massacrati in Turchia.

La verità è che il loro massacro non terrorizza le masse, ne aumenta l’odio contro i loro assassini.

Per quanto grandi siano gli eserciti e spietate le armi dei reazionari, un popolo che con la direzione dei comunisti trasforma il suo odio e rabbia in ideologia, organizzazione, piano, lotta rivoluzionaria sarà sempre più forte e, attraverso i tornanti della guerra, li cancellerà dalla storia.

Il sangue versato non annega la rivoluzione, la alimenta!

Questo eccidio è l’ultimo crimine dell’infame regime fascista islamico che per i profitti e gli interessi dei padroni reprime i lavoratori e le masse popolari turche, opprime e massacra le masse kurde.

Un regime noto in tutto il mondo per i famigerati “carceri di tipo F”, prigioni con celle grandi come bare in dove rinchiude e fa morire, violando ogni diritto umano, i prigionieri politici.

Lo stesso che spalleggia l’imperialismo Usa alla guerra d’occupazione contro il popolo irakeno ed è un puntello Usa/Nato in tutta l’area.

Questo regime è sostenuto dai governi europei e da Berlusconi che vogliono la sua integrazione in Europa perchè difende gli stessi interessi dei padroni.

Questo regime mostra ancora una volta qual è la faccia della democrazia dell’imperialismo.

Siamo solidali con la lotta dei proletari e delle masse turche e kurde!

Denunciamo il governo Berlusconi che appoggia il regime turco fascista, guerrafondaio e massacratore!

proletari comunisti

f.i.p. MI 28.06.05                  

 



Onore ai compagni turchi caduti a Dersim

 

 

by proletari comunisti Wednesday, Jun. 22, 2005 at 11:37 AM

 

Il 16 e 17 giugno 2005 in Mercan nella regione di Dersim, l'esercito fascista turco ha ucciso 17 dirigenti e militanti e ferito e catturato altri 3 del Partito Comunista Maoista - turchia-nord kurdistan (MKP)

 

ai compagni, al movimento rivoluzionario, ai proletari e masse popolari

Il 16 e 17 giugno 2005 in Mercan nella regione di Dersim, l'esercito fascista turco ha ucciso 17 dirigenti e militanti e ferito e catturato altri 3 del Partito Comunista Maoista - turchia-nord kurdistan (MKP).
L'attacco é avvenuto durante una riunione allargata del Comitato centrale del Partito.

Inizialmente lo stato fascista non ha dato alcuna notizia, poi in televisione sono stati mostrati 17 guerriglieri uccisi e tre altri feriti.
Tra le compagne e i compagni uccisi vi sono 6 membri del CC del MKP.

Da ieri si tengono i funerali con partecipazione di massa
le foto dei corpi delle compagne e dei compagni uccisi mostrano senza ombra di dubbio che sono stati prima torturati e seviziati e poi uccisi.

L'operazione dell'esercito fascista nella zona di Dersim é ancora in corso.

Nel rendere onore ai dirigenti e compagni del MTK uccisi
facciamo appello alla mobilitazione nazionale e internazionale a sostegno della lotta antimperialista e la guerra popolare in Turchia, a sostegno del Partito Comunista Maoista Turchia-Nord Kurdistan e di tutte le
forze comuniste, rivoluzionarie di Turchia e Kurdistan contro il regime fascista turco, l'imperialismo USA/nato di cui il regime è puntello,contro i suoi sostenitori in Europa e in italia, in primis il governo Berlusconi e tutti coloro che vogliono la Turchia in Europa per rafforzarne il regime.

Il sangue versato non annega ma alimenta la guerra popolare in Turchia e nel mondo!

Morte al regime fascista turco e all'imperialismo che lo sostiene!

Viva la guerra popolare!
Viva il maoismo!
Viva il Partito Comunista Maoista di Turchia-Nord kurdistan
viva l'internazionalismo proletario!

proletari comunisti

22/6/05

 

n.29 – ottobre 2005

 

n.28 – settembre 2005



numero 27 - maggio 2005


numero 26 - febbraio-marzo 2005


numero 25 - gennaio 2005



numero 24 -  novembre 2004



numero 23 - settembre 2004